Andrate

Andrate (Andrà in piemontese) è un comune italiano di 512 abitanti della provincia di Torino, in Piemonte, che dista circa 60 chilometri dal capoluogo.

Situato alla sommitĂ  della Serra Morenica di Ivrea, domina tutto l’anfiteatro morenico che si estende da Ivrea al Monferrato.

Il territorio comunale si estende dai 550 ai 2.227 m s.l.m. e offre una molteplicitĂ  di quadri ambientali: sia per l’ubicazione, sia per la possibilitĂ  di compiere passeggiate ed escursioni.

Storia

Si ipotizza che il nome abbia un’origine celtica: deriverebbe dalle parole and e art , significanti la prima “termine-fine”, la seconda “terra”, ovvero “terra di confine”. Infatti il torrente Viona che scende dal Mombarone e la Serra, durante l’antichitĂ  era al limite geografico tra la regione orientale e quella regione occidentale, occupata appunto da Andrate e abitata dai Salassi.

I primi documenti che citano Andrate risalgono all’inizio del XIII secolo, durante l’appartenenza del comune alla mensa vescovile di Ivrea.

Nel corso della storia molte furono le convenzioni stipulate tra la popolazione di Andrate e i vescovi, a titolo di dipendenza: nel 1365 grazie ad un diploma dell’imperatore Carlo IV, pervenne in dominio ai Savoia, la cui supremazia venne riconosciuta solo nel 1373 dal vescovo di Ivrea, feudatario diretto.

Andrate ottenne una maggiore autonomia a partire dal 1410, quando il vescovo Bonifacio della Torre concesse un suo proprio statuto e i suoi feudatari, che furono diversi, si ricordano i signori: Baroni, Burolo, Quaregna, Collobiano, Birago di Candia, Calcaterra.

In questi ordinamenti si cita l’antico borgo circondato da mura e denominato Villa, l’attuale centro storico del paese che conserva ancora oggi il fascino dei suoi scoscesi vicoli.

Sito internet Comune di Andrate

Fonte wiki